Lo Zeiss Distagon 21mm f/ 2.8 è decisamente il miglior grandangolo per Canon che abbia mai provato. Il prezzo è senza dubbio molto alto per un obiettivo manuale, quasi anacronistico. E’ conveniente oggi valutare l’acquisto delle ottiche Zeiss quando con una spesa minore Canon offre obiettivi con motore di messa a fuoco ultrasonico e stabilizzatore d’immagine da 4 stop? Dopo aver riflettuto attentamente, letto recensioni e scaricato immagini a piena risoluzione dal web, ho deciso di acquistarlo.

Ero alla ricerca di un obiettivo grandangolare per la Canon 5D3 che offrisse alta qualità uniforme su tutta l’immagine. Dopo la delusione del Sigma 10-20mm f/ 3.5 non ero più disposto a scendere a compromessi, soprattutto in previsione del prossimo viaggio fotografico in Bretagna e Normandia dove avrei dedicato la maggior parte del tempo ai paesaggi.

Ploumanach
L’emozionante paesaggio della Bretagna e il faro di Ploumanach, un’ottima occasione per testare lo Zeiss Distagon 21mm | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Lo Zeiss Distagon 21mm è costruito interamente in metallo e vetro, senza l’utilizzo di plastiche o altri tipi di policarbonato, con una precisione meccanica e una qualità incredibile. Il barilotto è completamente liscio grazie all’assenza di bottoni e interruttori, ad esclusione dalla ghiera zigrinata della messa a fuoco. Anche il paraluce smontabile è in metallo foderato nella parte interna di stoffa. Il suo accoppiamento con il corpo dell’obiettivo è rapido e sicuro, non come i consueti modelli di plastica cui siamo abituati. Montandolo bisogna prestare attenzione poiché l’errato allineamento del paraluce causa un’evidente vignettatura in fase di scatto.

Christiansborg Palace Copenaghen
Lo sfocato a tutta apertura dello Zeiss Distagon 21mm all’interno del Christiansborg Palace di Copenaghen | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Il grandangolo della Zeiss con baionetta ZE per Canon combacia perfettamente una volta montato sulla reflex e non c’è nessun tipo di gioco. Purtroppo tutta questa qualità costruttiva si paga in termini di peso: l’accoppiata 5D mark III e Distagon 21mm con i suoi 1.800 grammi è piuttosto pesante, anche se rimane comunque ben bilanciata e maneggevole nell’utilizzo a mano libera.

Il complesso schema ottico dello Zeiss è formato da 16 lenti raccolte in tre gruppi con trattamento antiriflesso t* (t-star), ancora oggi considerato uno dei più efficaci. Il diaframma è a nove lamelle ed è assente il motore di messa a fuoco. Proprio la mancanza di automatismi della messa a fuoco è motivo di forti dubbi da parte di molti, chiedendosi se valga ancora la pena investire in un obiettivo manual focus.

Zeiss distagon 21mm
La grande lente frontale dello Zeiss Distagon 21mm montato sulla Canon 5D mark III | Olympus E-1, Zuiko digital 50mm macro

Io l’ho fatto e non me ne pento: la messa a fuoco manuale è piuttosto facile da gestire. Sono abituato a realizzare da sempre gli scatti di macro fotografia senza automatismi e ho ritrovato nella ghiera di messa a fuoco dello Zeiss un ottimo feeling: sono rimasto sbalordito dalla fluidità e precisione della ghiera zigrinata, smorzata nel movimento al punto giusto, nulla a che vedere con qualsiasi obiettivo Canon o di terze parti provato finora. La scala delle distanze incisa sul barilotto è molto accurata e l’infinito corrisponde esattamente al simbolo ∞.

Viaggio fotografico Bretagna
Un suggestivo tramonto sulla costa francese, con lo Zeiss ho scattato gran parte delle fotografie di paesaggio | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Lo Zeiss Distagon 21mm può comunque contare sulla conferma di MAF nel mirino della fotocamera, piuttosto precisa anche se consiglio di non fare totale affidamento su di essa. Mettere a fuoco manualmente con la focale di 21mm è semplice e veloce anche senza vetrino smerigliato, difficilmente sostituibile sulla Canon 5D mark III al contrario dei modelli precedenti.

L’aberrazione cromatica è molto ben controllata ma leggermente più forte negli angoli sul formato full frame. Il micro contrasto e la risoluzione sono elevatissimi anche a tutta apertura, mantenendo una buona leggibilità nelle ombre. Partendo da f/ 2.8 il centro del fotogramma è estremamente dettagliato e gli angoli risultano abbastanza nitidi per essere un obiettivo grandangolare.

Alfero
Nell’angolo in alto a sinistra è ben visibile l’aberrazione cromatica (volutamente non corretta) enfatizzata dal filtro ND da 10 stop | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Lo Zeiss rende il massimo nei diaframmi compresi fra f/8 e f/11 dopodiché la diffrazione aumenta in modo molto gradualmente, rimanendo comunque sempre bassa e accettabile. Come tutti i grandangoli, il Distagon 21mm presenta una forte distorsione prospettica collocando linee rette ai bordi estremi del fotogramma, ma il difetto peggiore è l’antipatica distorsione a baffo di non facile correzione che non lo rende certamente l’obiettivo più adatto per la fotografia d’architettura. Gli obiettivi decentrabili in questo settore godono ancora di una supremazia indiscussa grazie al contenimento delle distorsioni unito all’eccellente resa delle immagini.

Zeiss distagon 21mm f/ 2.8
Lungo le coste dalla Normandia ho fatto largo uso dei filtri Lee montati sullo Zeiss Distagon 21mm | Sony Nex 5n

Lo Zeiss Distagon 21mm soffre di una forte vignettatura ai diaframmi più aperti, che scompare del tutto chiudendo il diaframma a f/11 e comunque sempre facilmente eliminabile con programmi come Ligthroom, Photoshop o Aperture. Lo sfocato è morbido e tridimensionale e i passaggi tonali sono molto delicati. La minima distanza di messa a fuoco di 22 centimetri dal piano del sensore con rapporto d’ingrandimento 1,5X permette di sfruttare la lunghezza focale del Distagon per ottenere prospettive drammatiche e close-up ambientati.

La stazione di Copenaghen
Stazione di Copenaghen, si nota la marcata vignettatura a diaframma f/ 2.8, facilmente eliminabile con un click del mouse | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Quello che mi ha più deluso dello Zeiss è il brutto riflesso che crea nei controluce più estremi a causa della lente frontale di grandi dimensioni: includendo il sole all’interno del fotogramma il grandangolo proietta l’immagine fantasma del diaframma. Il più delle volte il difetto è talmente evidente (è molto difficile rimuoverlo in post produzione) da rendere totalmente inutilizzabile l’immagine ed è un vero peccato perché l’effetto stella del sole è reso molto bene dal Distagon.

Zeiss Distagon lens flare
Un esempio piuttosto chiaro di come il riflesso del diaframma chiuso a f/16 può rovinare l’immagine | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Zeiss lens flare
E’ davvero impossibile eliminare il riflesso del diaframma all’interno dell’immagine | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Col diametro da 82 mm è consigliabile prendere un anello di raccordo wide per montare l’holder dei filtri a lastrina. Io uso un set di filtri graduati Lee molto utili nella fotografia di paesaggio per compensare la differenza di luminosità all’interno della scena, insieme ad un ND da 10 stop della Hitech per allungare i tempi d’esposizione e creare l’effetto mosso. Durante la messa a fuoco l’obiettivo non si estende e l’elemento frontale non ruota, caratteristica che rende ancora più semplice e immediato l’utilizzo dei filtri e del polarizzatore.

Distagon-ze-21mm
Un’altra situazione limite per lo Zeiss Distagon 21mm fe | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Lo scorso anno sono andato in Baviera per testare la nuova attrezzatura: la full frame Canon 5D mark III con il versatile zoom Canon 24-105 Lis e lo Zeiss Distagon 21mm. Mi piace molto andare in giro per mercatini di Natale e curiosare fra le colorate bancarelle in legno. Questa volta sono andato a Bad Tölz, la rinomata stazione termale bavarese.

Palline Natale
Le palline di Natale fanno sempre effetto, quelle ai bordi soffrono di distorsione prospettica tipica del grandangolo | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Biscotti Natale
I tipici biscotti tedeschi di panpepato a forma di cuore | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Una bella e facile passeggiata parte dall’ingresso sulla Marktstraße di Bad Tölz e arriva al monte Calvario fino alla Heilig-Kreuz-Kirche. Prima di entrare nella chiesa ho sostituito il Canon 24-105mm con lo Zeiss Distagon 21mm e alzo gli ISO della 5D mark III.

Chiesa monte Calvario
La distorsione prospettica è stata corretta con Photoshop | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Heilig-Kreuz-Kirche
L’interno della Heilig Kreuz Kirche visto dalla prospettiva dello Zeiss Distagon 21mm | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Heilig Kreuz Bad Tolz
La nitidezza dei bordi è molto elevata e non delude le aspettative | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Bad Tolz Baviera
Girovagando per i vicoli di Bad Tolz | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Zeiss Distagon 21mm
Un altro scatto con diaframma tutto aperto a f/ 2.8 | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Visitare i mercatini di Natale a Vipiteno in tarda serata è stata una buona occasione per provare la messa a fuoco manuale dello Zeiss Distagon 21mm in condizioni di scarsa luce. Non ho avuto nessun tipo di difficoltà nel mettere a fuoco i soggetti anche con diaframma tutto aperto, la visione attraverso il pentaprisma della full frame Canon è chiara e nitida grazie al mirino con copertura 100%.

Mercatini Natale Vipiteno
L’atmosfera festosa nella piazza dei mercatini di Vipiteno | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Mercatini Natale Vipiteno
Nessun problema nella messa a fuoco manuale anche in condizioni di scarsa luce | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Mercatini Natale Vipiteno
Le bancarelle sono piene di prodotti tipici e decorazioni natalizie | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm
Mercatini Natale Vipiteno
Nella parte alta della foto è ben visibile la distorsione a baffo | Canon 5D3, Zeiss Distagon 21mm

Lo Zeiss Distagon 21mm f/ 2.8 è un ottimo obiettivo grandangolare che si distingue grazie alla sua incredibile resa, omogenea in tutto il fotogramma, e la mancanza di curvatura di campo. Secondo me la focale 21mm è ideale per la fotografia di paesaggio, la prospettiva è ampia e naturale per enfatizzare il primo piano mantenendo uno sfocato plastico e leggibile. Non ha la comodità del wide zoom, ma preferisco muovermi per cambiare inquadratura piuttosto che avere dei bordi scadenti nell’immagine. Da affiancare all’altrettanto bellissimo Zeiss Distagon 15mm f/2.8.

Pro

  • Elevata nitidezza e micro contrasto anche negli angoli estremi.
  • Ottima qualità costruttiva grazie all’utilizzo del metallo.
  • Aberrazione cromatica piuttosto contenuta e facilmente eliminabile.
  • Possibilità di montare filtri con l’elemento frontale che non gira e non si estende, è un grosso vantaggio per la fotografia di paesaggio.
  • Ghiera della messa a fuoco fluida e precisa.

Contro

  • Brutto riflesso nei controluce estremi e distorsione a baffo difficilmente correggibile sono i difetti più evidenti del Distagon 21mm.
  • Tappo copri obiettivo è piuttosto fragile.
  • Peso e ingombro notevoli rispetto agli equivalenti Canon, quasi 800 grammi compreso paraluce e tappi.
  • Non è tropicalizzato, ma resiste bene alla pioggia leggera.
RASSEGNA PANORAMICA
Elevata nitidezza e micro contrasto anche negli angoli estremi, è la caratteristica che più mi interessava di questo Zeiss
Peso e ingombro sono notevoli rispetto agli equivalenti Canon, quasi 800 grammi compreso paraluce e tappi
Aberrazione cromatica piuttosto contenuta e facilmente eliminabile
Elevata qualità costruttiva grazie all'utilizzo del metallo ma il tappo copri obiettivo è piuttosto fragile
Possibilità di montare filtri con l'elemento frontale che non gira e non si estende, è un grosso vantaggio per la fotografia di paesaggio
Ghiera della messa a fuoco fluida e precisa
Un brutto riflesso nei controluce più estremi e la distorsione a baffo difficilmente corregibile sono i difetti più evidenti del Distagon 21mm
Non è tropicalizzato, ma resiste bene alla pioggia leggera
Condividi

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here